Pubblicato da: Stefano Re | 20 luglio 2015

Non c’è più tempo

Non c’è più tempo – forse non c’è spazio –

per l’eleganza del dettato o la regia,

siamo ripieghi sognanti comparse,

burattini di panna o Mangiafuoco.

Non c’è più tempo – forse neanche spazio –

per ricompense o diversione, siamo

incognite del tempo, cicatrici

a suggello dell’arguzia d’Euriclea,

cicatrici forse di uno strappo.


Responses

  1. Quando manca tempo e spazio, tutto diventa difficle e ingombrante.
    Breve ma intensa
    Ciao

  2. Un caro saluto estivo. Univers

  3. Del tempo non discuto, relativo o assoluto, personale o collettivo troppo aleatorio. Il tuo spazio però a me pare ampio. Saranno i versi o la sintassi intrigante, o sarà che dentro conserviamo una dimensione segreta e ampia.

    • Grazie mille per la visita e il commento. (S.R.)

  4. […] un mondo del tutto diverso e lontano. Scrive poesie e racconti brevi. Mi hanno colpito i versi di Non c’è più tempo, in cui leggo l’eterno interrogarsi sul senso e sul nostro essere o meno, in qualche modo, […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: