Pubblicato da: Stefano Re | 28 novembre 2014

E il sigaro…

E il sigaro? mi dici

sgranando gli occhi come fossi un delinquente.

Non so! rispondo

mentre penso al gesto leggero nell’accenderlo,

al modo di tirare,

allo sbuffo azzurro del fumo

che confonde anche l’aria pulita

di una giornata di gennaio.

C’est la vie! dico

pensando al gesto finito, esatto,

alla poesia d’amore lasciata al buio del cassetto,

sapendo che lì, però, c’è tutta una vita

anche la speranza di un’ultima carezza.

Stefano Re


Responses

  1. Singolare argomento di poesia, che denota un’ottima creatività e fantasia.
    E il sigaro non ammorba l’aria pulita di gennaio?

    • No. Quella no. Un saluto e grazie (S.R.)

  2. C’è sempre un nesso, anche se magari difficile da spiegare, ma che pure si intuisce, tra i piccoli gesti e le cose importanti. M
    i è piaciuta molto!

    • Grazie e felice del tuo passaggio tra queste nebbie e queste risaie. (S.R.)

  3. Un caro saluto. Univers

  4. […] burattini o “cicatrici forse di uno strappo”, un verso che ho trovato molto bello. Il sigaro, un’altra poesia, mi verrebbe da dire che rappresenti “il gesto finito, esatto” […]

    • Grazie mille. Gradita sorpresa (S.R.)


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: