Pubblicato da: Stefano Re | 28 gennaio 2014

E questa voglia di scarpe

E questa voglia di scarpe non l’ho mai capita,
come una fuga, quasi che la strada fosse nella suola,
la meta nello slaccio delle stringhe.
Perché la fuga è sempre un paradosso,
e io preferisco resistere o fermarmi,
vivere la resa
lasciare che il topo controlli dalla tana
se escogito un piano per fermarlo.

Advertisements

Responses

  1. “…Perché la fuga è sempre un paradosso,
    e io preferisco resistere o fermarmi,
    vivere la resa
    lasciare che il topo controlli dalla tana
    se escogito un piano per fermarlo.”…

    lo preferisco anch’io…

    bei versi, mi sento partecipe.
    ciao
    cri

  2. immagine stupenda…che sento così mia…

    • Beh, dal particolare all’universale… Grazie Margaret. (S.R.)

  3. Ottimo quello che leggo qui. Un saluto. Univers

  4. e come la mettiamo con le decoltè da 20 cm….?
    😉

    • Più che altro come la mettono le caviglie… (S.R.)

  5. Belle metafore sono contenute in breve ma intensa poesia.
    “Perché la fuga è sempre un paradosso,
    e io preferisco resistere o fermarmi,”
    E’ vero che la fuga dalla realtà è un paradosso ed è giustissimo resistere o fermarsi. Non credo che “vivere la resa” sia la soluzione, perché la resa assomiglia alla fuga.

    • Grazie di questo bel commento. Resa nel senso di accettazione. Ciao. (S.R.)

      • Giusta precisazione la tua, perché io l’avevo intesa come capitolazione.
        Ciao


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: