Pubblicato da: Stefano Re | 13 gennaio 2014

La lumaca e il guscio

La mamma guardava con tenerezza la piccola lumaca. Era una buona madre, dedita ai piccoli e premurosa su tutto. A volte esagerava con le paure, ma era un piccolo difetto che tutti le perdonavano. Aveva insegnato ai piccoli a ritrarsi velocemente e a non uscire dal guscio finché il pericolo era passato. E loro avevano imparato velocemente, anche se piano piano avevano perso coraggio e voglia di affrontare anche i pericoli meno rischiosi.
“Scappano sempre” le disse un giorno la lumaca più anziana della comunità. “Devi insegnar loro a distinguere i pericoli, altrimenti saranno sempre spaventati”
E lei rispondeva: “Meglio così… L’importante è che siano al sicuro”
“Ma la sicurezza non è la fuga” aggiungeva l’anziana saggia. “Si è più sicuri a sapere cosa sia bene e cosa sia male…”
Ma la lumaca non le dava retta. Anzi, da un po’ di tempo si era fissata sull’estetica dei gusci. Siccome erano importanti non solo per difendersi, ma anche per la propria silhouette, cominciava a credere che quello della piccolina fosse particolarmente sciatto. Doveva fare qualcosa, doveva inventarsi quella novità che trasformasse la lumachina in una piccola principessa.
“Avrai un guscio tutto nuovo!” le disse.
“Ma mamma, a me piace questo!”
“Ma non vedi come sei disordinata con quel guscio troppo marrone e tutto rigato?”
“Ma mamma, tutte noi abbiano delle righine nere sul guscio”
“Beh, sarai la prima ad avere un guscio nuovo”
E così cominciò a girare tutti i negozi della piccola comunità di lumache, ma nessuno le diede una soluzione. Qualcuno le disse di rivolgersi alla lumaca artigiano, che suggerì:
“Nessuna possibilità, se non quella di fare un guscio nuovo”
“Ma deve essere bello” rispose mamma lumaca. “E magari rosso con le strisce verdi”.
L’artigiano si mise all’opera e fece un piccolo capolavoro.
“Guarda che bello!” disse la mamma alla piccolina.
“Ma mamma, io sto bene nel mio guscio.”
Mamma lumaca insistette, voleva che la figlia fosse una principessa.
“Fai come ti dico, indossa il nuovo guscio”
La lumachina stremata disse sì. Il guscio era bellissimo, rosso come il fuoco. Tra tutte le lumache era la più bella, quella che appariva, quella che il corvo mangiò per prima.

di Stefano Re

Annunci

Responses

  1. le mamme….le mamme….. ahi ahi!

  2. Per il troppo zelo e le atenzioni la lumachina finì male. Come in natura anche nel reale una madre troppo zelante e incombete finisce col danneggiare il figlio.

    • Ciao caro. Grazie del tuo passaggio e dei tuoi commenti. (S.R.)

  3. E in effetti insegna molto questo pezzo… piacevole leggerti. Un caro saluto. Univers


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: