Pubblicato da: Stefano Re | 29 dicembre 2013

Pensa i cani di Pavlov

Se attendo l’evento il tempo si ferma
e il corvo avvinghiato alle lancette le spinge al contrario
il cielo s’abbuia, in dubbio è l’esistenza.
Eppure so, come i quadri appoggiati alle pareti,
che il chiodo resiste oltre il dente e la sua lingua.
Mi restano pensieri come desideri
e i cani di Pavlov sono troppo lontani per raggiungere la meta,
io invece resisto anche al suono,
e penso al pensiero di te
e le lettere tintinnano a festa per comporre il tuo nome.


Responses

  1. Letta la poesia, che ho trovato piacevole come sempre.
    Auguro a te e famiglia un 2014 ricco si serenità, letizia e di grandi soddisfazioni

  2. Un felice 2014 anche a te e ai tuoi cari. (S.R.)

  3. Buon anno anche a te, Stefano caro!
    e a tutto il mondo🙂

  4. Che sia un anno ricco di sorprese strepitose, caro. Un saluto. Univers

    • Grazie e buon anno anche a te. (S.R.)


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: