Pubblicato da: Stefano Re | 13 marzo 2013

Mamma Orca

Mamma Orca si sentiva stanca.
(Piccola precisazione confidenziale – ma poi ammetterete che vi eravate già ingannati – qui si parla di quel bellissimo mammifero marino che nuota negli oceani, nulla a che fare con la moglie dell’Orco che spesso è narrata nelle favole per bambini).
Mamma Orca, dicevo, si sentiva stanca. L’oceano era tranquillo e di poche parole, ma la sensazione di malessere non l’abbandonava. Era da qualche giorno che si sentiva stanca. I suoi piccoli l’accompagnavano per quella nuotata pomeridiana che era ormai considerata l’appuntamento del giorno. Spesso le domandavano di questo e di quello e lei rispondeva in malo modo. Il fatto che la stanchezza non le passasse, la metteva di cattivo umore. I piccoli, si fa per dire vista la stazza, non erano contenti che la loro mamma li trattasse male, anche perché sentivano il bisogno del suo calore. Ma la mamma era troppo impegnata con se stessa per capirne l’esigenza. Anzi, era impegnata con i suoi brutti pensieri. Quella stanchezza cronica, la portava a credere che si fosse ammalata e che dovesse morire da un momento all’altro.
Sebbene le altre orche le dicessero che non era possibile, lei non voleva crederci. Si era convinta che fosse al termine della vita. “Mi ha preso un brutto male”, diceva a tutti. E se qualcuno le faceva notare che la stanchezza poteva essere dovuta al cambio di stagione, Mamma Orca si arrabbiava.
“Nessuno mi crede, nessuno mi vuole bene.”
Così passarono i giorni, così passò anche la stanchezza, mentre i figlioletti, ormai orche giganti, se ne erano andati in cerca di altri affetti, mentre a lei erano rimasti i brutti pensieri, perché nel frattempo una pinna aveva cominciato a dolerle.
“Sarà un brutto male?”
(di Stefano Re)


Responses

  1. un’orca ipocondriaca
    come certe persone che conosco, che si perdono il meglio fasciandosi la testa prima di romperla

    ciao Stefano!

  2. Mi mare un’orca somigliante a molte umane persone che si preoccupano del nulla pensando sempre che sono ammalate.

  3. Errata corrige Mi pare e non «mi mare»


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: