Pubblicato da: Stefano Re | 3 febbraio 2010

Chiamatemi poeta

Non sono un dizionario di parole,
di verbi forse sono un menestrello,
scrivo sillabe e segni un po’ confusi,
in tasca non cercatemi presagi.

Se qualche ossuta lettera trovate
chiamatemi poeta o letterato,
non m’offendo, rigurgita nel tempo
l’opinione e il suo sapido tormento.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: